Sound Branding: esempi e tendenze (parte 2)

Sound Branding: esempi e tendenze (parte 2)

Sound Branding: esempi e tendenze (parte 2) 150 150 Simone Barbieri

Il sound branding di McDonald è tra i migliori al mondo

Sound Branding: come l’audio può modellare l’identità di un marchio
Parte 2: esempi e tendenze

Nel mondo del marketing moderno, la competizione per catturare l’attenzione del consumatore spinge le aziende alla costante ricerca di nuovi modi per distinguersi e creare un legame emotivo con il pubblico. In questo contesto, il sound branding emerge come una potente strategia per plasmare l’identità di un marchio e suscitare un impatto duraturo nei consumatori. In questo articolo inizieremo a prendere in esame alcuni dei più noti sound branding con esempi e tendenze e daremo un’occhiata ai possibili scenari futuri.

L'esempio del suono della suoneria del Nokia, iconico sound branding dei primi cellulari

Esempi di Sound Branding di successo

McDonald’s: Il Jingle “I’m Lovin’ It”
Introdotto nel 2003,  è diventato un elemento chiave delle campagne pubblicitarie del marchio, contribuendo a consolidarne l’immagine e a stimolare l’interesse dei consumatori.
Intel: Il Suono “Intel Inside”
Il suono distintivo utilizzato da Intel è associato all’affidabilità e alla qualità dei suoi prodotti, trasmettendo un senso di fiducia e prestigio ai consumatori.
Nokia: La Suoneria “Nokia Tune”
Introdotta coi primi telefoni cellulari negli anni ’90, è diventata una delle suonerie più riconoscibili al mondo. Questo semplice motivo tratto da un brano per chitarra di Francisco Tàrrega, ha contribuito a consolidare l’immagine di Nokia come leader nell’industria della telefonia mobile.
Netflix: Sound Logo
Il breve jingle sonoro all’avvio delle sue applicazioni e dei suoi contenuti, è diventato un segno riconoscibile dell’esperienza di streaming di Netflix, contribuendo a differenziare il marchio e a stimolare la fidelizzazione degli utenti.
Audi: Il Suono dell’Apertura delle Portiere
Audi ha sviluppato un suono personalizzato per l’apertura delle portiere delle sue auto, progettato per trasmettere un senso di qualità e tecnologia avanzata. Questo è diventato un elemento caratteristico delle auto Audi, contribuendo a rafforzare l’immagine di prestigio e innovazione associata al marchio.
Apple: L’accordo Musicale di Avvio dei Devices
Apple, grazie all’intervento in extremis di Jim Reekes (questa storia meriterebbe un articolo a parte tant’è emblematica) ha felicemente sostituito il dissonante tritono usato da Apple fino al 1996, con un accordo molto più piacevole all’orecchio, denominato “Sosumi Chord”, come parte integrante del rebranding dell’azienda.

Il sound branding della Ford Mustang Bullit

Sound design e ingegneria acustica

Vediamo ora alcuni complessi lavori di sound design e ingegneria acustica volti a manipolare il suono del funzionamento vero e proprio dei prodotti, discorso che vale soprattutto (ma non solo) per i mezzi di trasporto.

Harley-Davidson
Famosa per il caratteristico suono del suo motore, che è stato oggetto di cura e progettazione specifica.
Ford Mustang Bullitt
Ford ha lavorato sul suono del motore della Mustang Bullitt per ricreare fedelmente il suono della macchina guidata da Steve McQueen nel film “Bullitt” del 1968, aggiungendo un elemento di nostalgia e identità alla vettura.
Tesla
I suoni di avviso e feedback che simulano il rumore del motore e altre caratteristiche tipiche delle auto a combustione interna, hanno come scopi anche la sicurezza degli utenti e le normative sui trasporti.
BMW M Series
Per le sue vetture della serie M, BMW ha attentamente studiato il suono del motore e l’esperienza acustica durante la guida.
Luxury Car
Alcuni esempi di luxury car che hanno ‘brevettato’ il proprio rombo e lo approcciano come se fosse un elemento di design sono: Lamborghini, Ferrari, Aston Martin, Mercedes e Porsche.

Il sound branding nella realtà virtuale

Tendenze e scenari futuri

Tecnologie Immersive
Con l’evoluzione delle tecnologie immersive come la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR), le opportunità per il sound branding si espandono ulteriormente. Le aziende potrebbero sfruttare queste tecnologie per creare esperienze sonore interattive che avvicinano i consumatori al marchio in modi innovativi.
Personalizzazione Avanzata
La personalizzazione diventa sempre più importante nel marketing esperienziale, e il sound branding non fa eccezione. Le tecnologie avanzate consentono la creazione di esperienze sonore altamente personalizzate, adattate alle preferenze individuali dei consumatori e alle situazioni specifiche di utilizzo.
Uso di Intelligenza Artificiale
L’intelligenza artificiale (AI) sta rivoluzionando molteplici settori, incluso il sound branding. Gli algoritmi di AI possono analizzare i dati dei consumatori per comprendere meglio le loro preferenze sonore e creare esperienze audio altamente mirate e efficaci.
Esplorazione di Nuove Frontiere Sensoriali
Oltre al suono, le aziende hanno iniziato ad esplorare altre modalità sensoriali per il branding, come l’odore e il tatto. L’integrazione di queste esperienze sensoriali diverse può amplificare l’impatto emotivo complessivo.
Sviluppo di Standard e Best Practice
Con l’aumento dell’importanza del sound branding, è probabile che emergano standard e best practice settoriali per guidare le aziende nel loro approccio all’audio. Ciò potrebbe includere linee guida per la creazione e l’implementazione di strategie di sound branding efficaci e etiche.
Crescita del Mercato del Sound Branding
Infine, ci si può aspettare una crescita significativa del mercato del sound branding, con un aumento del numero di agenzie specializzate, professionisti del settore e strumenti tecnologici dedicati alla creazione e gestione di identità sonore.

Nella terza ed ultima parte di questa serie di articoli, prenderemo in esame specificamente come un’azienda può implementare una strategia di Sound Branding e trarremo le conclusioni finali.